Newsletter Sindaci

Logo stampa
 
 
Gruppo Hera - Home Page
 
 
 
Newsletter Sindaci - Territorio di Imola-Faenza
Condividi
Facebook Google Plus Linkedin Pinterest Tumblr

Notizie

 

02.03.2012 - CiboAmico: a Imola donati da Hera oltre 1.600 pasti nel 2011

Una mensa Hera

Sono stati 724 i chilogrammi di cibo recuperato a Imola da Hera nel 2011 tramite il progetto “CiboAmico”, con cui si riutilizzano i pasti preparati ma non consumati nelle mense dell'azienda. L’attività è realizzata dal Gruppo con il supporto di Last Minute Market, società spin-off dell’Università di Bologna che promuove la lotta allo spreco e la sostenibilità ambientale, e la collaborazione di Concerta, la società che gestisce le mense di Hera.

Quasi 7 pasti completi al giorno, per un totale di quasi 800 all'anno, recuperati nella mensa aziendale Hera di Imola e donati alla onlus coinvolta nel progetto. Questi sono alcuni dei numeri che hanno caratterizzato “CiboAmico” nel 2011, suo secondo anno di vita. Il recupero di prodotti alimentari cotti e crudi dalla mensa di Via Casalegno ha permesso di evitare lo spreco di 726.000 litri d’acqua, il consumo di 24.515 e la mancata emissione in atmosfera di alcune migliaia di chilogrammi di anidride carbonica equivalente. Per neutralizzarla sarebeb stata necessaria una superficie boschiva pari a promosso per il recupero degli alimenti non consumati nelle proprie mense aziendali, a favore di associazioni onlus che operano sul territorio verso persone che vivono situazioni di difficoltà, con conseguenti benefici sociali, economici e ambientali, a partire dalla prevenzione della produzione di rifiuti e dal riutilizzo delle eccedenze. Nel 2011 sono stati recuperati, e quindi non gestiti come rifiuto, 724 chilogrammi di prodotti cotti e crudi, che hanno permesso di evitare lo spreco di 726.000 litri d’acqua, il consumo di 24.515 metri quadrati di terreno, la mancata liberazione nell'atmosfera di alcune migliaia di chilogrammi di anidride carbonica equivalente per la cui neutralizzazione sarebbe stata necessaria una superficie boschiva pari a circa 7 campi da calcio. A Imola, come negli altri territori in cui si svolge "CiboAmico", il recupero del cibo non consumato nella mensa aziendale va a favore di associazioni presenti sul territorio, che si occupano di persone in situazione di difficoltà. I benefici che conseguono dalla realizzazione del progetto sono sociali, economici e ambientali, non ultimi il contenimento della produzione di rifiuti e il riutilizzo delle eccedenza.

A Imola “CiboAmico” è partito nella seconda metà del 2011. L'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII collabora al progetto, utilizzando gli alimenti provenienti dalla mensa Hera nella struttura di pronta accoglienza per adulti in stato di disagio e con particolari difficoltà economiche e abitative, in cui trovano ospitalità circa 10 persone. Grazie a "CiboAmico" l'associazione ha potuto risparmiare risorse che ha reinvestito in altre attività. Il valore economico dei pasti donati a Imola nel 2011 è stato di circa 6.500 euro, mentre dall'inizio del progetto sono stati complessivamente donati da Hera circa 17.200 pasti, per un valore economico di oltre 67.000 euro.

Le mense del Gruppo coinvolte in "CiboAmico" sono 5, tra cui quella di Imola. Sette sono le associazioni onlus cui sono destinati gli alimenti, per un totale di oltre 170 persone assistite.