Newsletter Sindaci

Logo stampa
 
 
Gruppo Hera - Home Page
 
 
 
Newsletter Sindaci - Territorio di Rimini
Condividi
Facebook Google Plus Linkedin Pinterest Tumblr

Notizie

 

22.03.2012 - Coriano: selezione intelligente rifiuti da riciclo e recupero di energia termica ed elettrica dai rifiuti

Il taglio del nastro della nuova linea di selezione a Coriano
L'inaugurazione della linea di selezione

Due inaugurazioni per un unico impegno lungo l’intera filiera del recupero e valorizzazione rifiuti
Un impianto innovativo di selezione con lettori ottici dei rifiuti differenziati da avviare a riciclo e il ristrutturato termovalorizzatore, pienamente operativo dalla seconda metà del 2010, facilmente visitabile mediante il nuovo percorso visitatori. Sono queste le realizzazioni inaugurate mercoledì 21 marzo a Coriano, che confermano il polo di selezione e trattamento rifiuti del centro riminese, gestito da Herambiente (Gruppo Hera) e dalla sua controllata Akron, fra le realtà del settore più avanzate in Europa. La doppia inaugurazione di oggi, che riguarda due impianti adiacenti ma ben distinti tra loro, non è casuale. E’ infatti la testimonianza del forte impegno di Hera nell’intero ciclo dei rifiuti, all’interno del quale alte percentuali di differenziata nella fase della raccolta si integrano con una moderna ed efficace selezione del materiale da avviare a riciclaggio e con la massimizzazione della produzione di energia, attraverso la termovalorizzazione di quei rifiuti che non è possibile recuperare diversamente.

L’impianto a lettura ottica per la selezione dei rifiuti da avviare a riciclo
L’innovativo sistema a lettura ottica della nuova linea, che tratterà principalmente i rifiuti urbani da raccolta differenziata, quali plastica, prodotti cartacei e multimateriale (qualsiasi frazione secca che non contenga vetro, ad esempio plastica e lattine insieme piuttosto che carta e plastica), presenta due importanti vantaggi tecnici. Da un lato, la lettura ottica in entrata consentirà una selezione molto più puntuale e veloce (fino a 3 volte), assicurando percentuali più alte di materiale effettivamente destinato a recupero. Dall’altro, con il nuovo sistema, si potrà migliorare anche la qualità dei materiali da avviare a riciclo, perché i lettori ottici permettono di selezionare i rifiuti con un maggior grado di precisione, riducendo quindi il margine di errore e la presenza finale di materiali di scarto. La nuova linea consentirà anche un sensibile miglioramento nella qualità del lavoro degli addetti, i quali, da un processo di selezione prevalentemente manuale, passeranno ad attività più mirate alla manutenzione degli strumenti e al controllo di qualità.

Un progetto più ampio per estendere la tecnologia in regione
La nuova linea di selezione di Coriano s’inserisce all’interno di un contesto più ampio, che vede Herambiente e Akron impegnate a realizzare impianti di questo tipo in tutti i territori della regione presidiati. Esiste infatti un piano, per un investimento complessivo di circa 20 milioni di euro, che prevede realizzazioni simili o il potenziamento degli impianti esistenti presso le piattaforme Akron di Modena e Ferrara, nonché la realizzazione ex novo di un impianto nell’area bolognese entro la prima metà del 2013. Inoltre un impianto simile è già stato attivato lo scorso autunno a Voltana (RA). L’obiettivo è duplice: valorizzare al massimo l’impegno dei cittadini nella raccolta differenziata e  confermare la regione Emilia-Romagna fra le più virtuose in Italia non solo per quanto riguarda le percentuali di raccolta differenziata (attualmente oltre il 50% medio nei 142 comuni gestiti da Hera), ma anche per quanto attiene il materiale effettivamente avviato a recupero. E’ questo parametro infatti, più che la percentuale di raccolta, il punto di riferimento verso cui sono orientati gli obiettivi europei. Su questo fronte Hera conta quindi di migliorare ulteriormente le proprie performance, puntualmente calcolate a seguito di un progetto di tracciabilità rifiuti effettuato in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna e certificato da un qualificato ente esterno, quale DNV Business Assurance.

Il termovalorizzatore di Coriano: un punto di riferimento per il settore ambiente, con emissioni inferiori del 95% ai limiti di legge
Il termovalorizzatore di Coriano, entrato in funzione nel 1976, è stato completamente rinnovato nel 2010, con l’impiego di tecnologie di assoluta avanguardia, che fanno dell’impianto un punto di riferimento nel settore ambiente, sia per caratteristiche funzionali che per i livelli di emissione. Attualmente la struttura è dotata di una linea di combustione con una capacità di smaltimento di circa 400 tonnellate/giorno, capace di generare in un anno energia elettrica per 80 milioni di kWh, in grado di soddisfare il fabbisogno di circa 30.000 famiglie, con il risparmio di 18.500 TEP (Tonnellate Petrolio Equivalente). Il sistema di depurazione fumi, con doppio strato di filtrazione e abbattimento SCR degli ossidi di azoto in coda, garantisce i più elevati standard di abbattimento delle emissioni, che nel 2011 sono risultate mediamente inferiori del 95% ai limiti di legge.
Il termovalorizzatore rappresenta un’eccellenza anche per le scelte architettoniche ed estetiche
Con un’originalissima intuizione progettuale l’architettura dell’impianto ha assimilato la forma delle rocche e delle torri malatestiane che caratterizzano il paesaggio circostante, attraverso la costruzione del palazzo-torre che racchiude parte del forno caldaia e la torre camino, che con i suoi 80 metri di altezza e la forma a lama-scavata caratterizza visivamente l’intero complesso. 

Il percorso visitatori all’interno del nuovo termovalorizzatore
Il percorso visitatori, progettato dall’architetto Michele De Lucchi, nome tra i più noti nel panorama del design internazionale, consiste in 6 grandi pannelli dislocati nei punti più importanti del termovalorizzatore, che diventa così una vera e propria “casa di vetro” aperta a scuole, associazioni, gruppi d’interesse, delegazioni e privati cittadini. Così come in tutti gli altri termovalorizzatori del Gruppo Hera, è infatti possibile a chiunque prenotarsi per una visita guidata all’impianto, che per caratteristiche funzionali e livelli di emissione rappresenta un’eccellenza non solo a livello nazionale. L’allestimento informativo, denominato “Conosci l’impianto”, consentirà ai visitatori di entrare nel cuore del processo di termovalorizzazione, attraverso illustrazioni di facile comprensione ed un linguaggio estremamente accessibile.
Si parte con una panoramica sul ciclo rifiuti, per poi passare ai controlli in ingresso, a una descrizione del processo di combustione e alle modalità attraverso cui, da questa, si arriva a produrre energia elettrica. Due distinti pannelli affrontano altrettanti aspetti cruciali per l’attività dell’impianto: il rigoroso controllo delle emissioni e l’attenzione alla sicurezza d’esercizio.

Per informazioni in merito alle modalità di visita all’impianto, attraverso il nuovo percorso guidato, è possibile telefonare al numero 051.4225414, oppure inviare un fax di richiesta allo 051.4225497. Le visite possono essere prenotate anche direttamente dal sito del Gruppo, all’indirizzo: www.gruppohera.it.

 
Approfondisci